Pasqua in Umbria: La pizza al formaggio

In questi giorni  la tradizione la fà da padrona. In quanto sono questi i giorni clou per la preparazione dei vari piatti forti, a seconda di quello che la tradizione regionale ci vuole vedere in tavola per la colazione pasquale. In Umbria, sebbene ci siano diverse usanze a seconda delle zone, ciò che proprio non può mancare sulle tavole per la colazione pasquale è la pizza di Pasqua al formaggio, che viene accompagnata da salame,  uova sode e, naturalmente vino. 
La ricetta che utilizzo ormai da diversi anni è il frutto dell’unione delle ricette delle mie due nonne, con qualche piccola aggiunta e modifica personale. Per quanto riguarda il procedimento, invece, ho seguito i consigli della maestra, Paoletta.
Ve la consiglio vivamente perchè è spettacolare. Ottima anche per le scampagnate di pasquetta!!!! 😉
Ingredienti:
250 gr. farina manitoba
250 gr. farina 0
5 uova
100 ml. di latte
1 cucchiaino di miele
25 gr. di lievito di birra
1 cucchiaino di sale ( da verificare)
1 presa di pepe ( secondo gusto)
150 gr. parmigiano grattugiato
50 gr. pecorino
5 cucchiai di olio evo umbro ( o comunque di alta qualità)
60 gr. di strutto 
100 gr. di groviera a dadini

N.B.: La quantità di formaggio può essere variata a proprio piacimento. Questa proporzione è, a mio avviso, molto equilibrata. Ma se volete un sapore più deciso, nulla vi vieta di aumentare la quantità del pecorino e diminuire quella di parmigiano. Per quanto riguarda la groviera in pezzetti, io la trovo molto piacevole, ma anche in questo caso se non vi aggrada la potrete eliminare. In questo caso però, vi consiglio di aumentare la quantità complessiva di formaggio grattugiato a 250 gr. ( indipendentemente dalle proporzioni).
Procedimento:
Sciogliere il lievito con il miele nel latte tiepido, meglio se in un bicchiere di plastica. lasciare fermentare per circa 10 min. Fino a quando si sarà formata una schiuma voluminosa.
Mettere la farina in una ciotola capiente e fare un buco, un pozzetto. Colare dentro il pozzetto il lievito fermentato e con un cucchiaino prendere un pochino di farina e amalgamare per ottenere una pasta molliccia.

Coprire con altra farina senza impastare, in modo da isolare dall’aria il panetto, e lasciare fermentare per circa 20-30 min. fino a che si sarà screpolato. 

Nel frattempo sbattere le uova, il sale, il pepe, i formaggi grattugiati e lasciare amalgamare i sapori.

Quando il pastello sarà completamente screpolato, unire mano a mano il composto di uova e formaggio ed impastare. Si può, ovviamente, impastare anche con l’impastatrice o il bimby.

Aggiungere l’olio e lo strutto e terminare l’impastatura. 

Trasferire l’impasto sulla tavola ed aggiustare l’impasto, aggiungendo – se necessario – altra farina. 
( senza esagerate, poichè l’impasto dovrà rimanere piuttosto morbido. Non superate la quantità totale di 600 gr. di farina).  Aggiungere i dadini di groviera. Lasciare riposare l’impasto coperto per circa 45 min.

A questo punto inserire l’impasto nell’apposita teglia, stretta e svasata, ben unta e lasciare lievitare fino a che l’impasto non abbia superato di qualche cm il bordo della teglia ( circa 1 ora e mezza – 2 ).

Questo è lo stampo apposito, in alluminio o stagno (???), leggermente svasato, leggerissimo, tale da consentire una cottura perfetta. Si trovano in quasi tutti i negozi di casalinghi. Le misure per questa dose sono queste : altezza cm. 12, diametro base cm. 16, diametro superiore cm. 21.

Indicazioni di cottura:
Forno a legna: dipende molto dai forni, sicuramente ognuno di voi conoscerà bene il proprio, pertanto in questo caso le indicazioni sono indicative, basate sulla mia esperienza. Mantenere il forno sulla temperatura stabile di circa 270° – 280°. Una volta inserite le pizze coprirle con una foglio di carta forno per evitare che il calore ne annerisca subito la superficie.
Cottura circa 45 min. Verificare inserendo uno stecco di legno.

Forno elettrico:  Accendere il forno ed impostarlo a circa 180°, inserire la pizza.
Cottura circa 45 min. Verificare inserendo uno stecco di legno.

La pizza di Pasqua viene generalmente preparata tra il giovedì ed il venerdì santo, in quanto rende al meglio dopo qualche giorno, quando i sapori si sono ben assestati. Quindi se non volete farvi mancare questa bontà…è il momento giusto per mettersi al lavoro!!!!! 😉

Alla prossima con… Il Pappamondo!!!  😀

24 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *